Gruppi di Interesse Speciale

Che cos’è un Gruppo di Interesse Speciale - GIS?

I GIS sono gruppi di persone che dal 2011 si riuniscono perché interessate a promuovere e sviluppare uno specifico ambito di applicazione dell’ACT all’interno della comunità accademica, clinica e di formazione.

I GIS rappresentano un modo vantaggioso di riunire persone che lavorino e condividano lo stesso campo di interesse in tutta Italia, creando la possibilità scambiarsi idee, riflessioni e materiale, di unire forze e conoscenze per potenziare e rendere più fluidi, presenti ed efficaci progetti di ricerca, interventi clinici, in relazione a bisogni e desideri emersi a partire dalla propria esperienza.

I GIS rappresentano la Committed Action dell’ACT: azioni di valore che si muovono a ritmo perpetuo e che si evolvono attraverso dialogo, reciprocità, condivisione e presenza.

Attività tipiche di un GIS

Le attività che un GIS può svolgere sono molte. Di seguito ne elenchiamo alcune:

  • incontri periodici di intervisione su argomenti rilevanti per il gruppo (anche in forma virtuale);
  • eventi formativi sul tema (workshop, lezioni, convegni, ecc.),
  • preparazione collettiva di testi divulgativi e/o scientifici sull’argomento di interesse;
  • lista bibliografica di letture consigliate sull’argomento;
  • newsletter, mailing list, chat per mantenere contatti e portare avanti le attività;
  • relazioni annuali delle proprie attività ai soci;
  • impegno civico verso le istituzione territoriali di vario genere, per promuovere l’ambito di interesse speciale.

Calendario eventi ACT Italia

FARE ACT Base/Intermedio – online

ACT Italia presenta 2 giornate di workshop per approfondire la conoscenza dell’ACT e utilizzarla nella pratica clinica. Il workshop si propone come percorso esperienziale attraverso le sei dimensioni del modello

Continua »

FARE ACT Base/Intermedio – online

ACT Italia presenta 2 giornate di workshop per approfondire la conoscenza dell’ACT e utilizzarla nella pratica clinica. Il workshop si propone come percorso esperienziale attraverso le sei dimensioni del modello

Continua »

FARE ACT Avanzato – online

L’ Acceptance and Commitment Therapy – ACT è una delle terapie più interessanti sul panorama scientifico internazionale. L’adattamento alla lingua e al contesto italiano di questo modello ha richiesto una

Continua »

FARE ACT – Base/intermedio

ACT Italia presenta 2 giornate di workshop per approfondire la conoscenza dell’ACT e utilizzarla nella pratica clinica. Il workshop si propone come percorso esperienziale attraverso le sei dimensioni del modello

Continua »

Informazioni Utili sui GIS

Chiunque sia regolarmente iscritto ad ACT Italia, sia come professionista sia come studente, può scrivere al contatto email indicato nella specifica pagina di ogni GIS e richiedere di partecipare.

Per creare un nuovo GIS è necessario:

  • essere psicologo e/o psicoterapeuta regolarmente iscritto ad ACT Italia;
  • che il gruppo parta con almeno 4 membri interessati e attivi;
  • indicare per ciascun membro fondatore: nome, cognome, qualifica, professione, contesti in cui pratica, interesse e formazione ACT;
  • descrivere il GIS in termini di bisogni, desideri e azioni promosse da gruppo. Come modello puoi ispirati a ciò che è indicato nella presentazione dei GIS già presenti;
  • indicare il referente (nome, cognome, qualifica e indirizzo email); 
  • Inviare i criteri di cui sopra al seguente indirizzo: segreteria@act-italia.org unitamente al CV. La richiesta sarà valutata e approvata in tempi brevi dal Comitato Direttivo ACT-Italia prima della sua pubblicazione sul sito.

Di seguito alcune linee guida utili dedicate e utili ad orientare verso una migliore gestione dei Gruppi di Interesse Speciale – GIS

Numero minimo membri.
Per una gestione più funzionale si consiglia che, fin dalla sua creazione, il GIS presenti un numero minimo di membri non inferiore a 10. Numero che offra forma e dignità al gruppo.

Ruoli e funzioni.
Fin da principio, è indispensabile che i membri di ciascun gruppo abbiano ruoli specifici e flessibili, ovverosia che nel tempo possano cambiare in base a interessi e peculiarità di ciascuno, in modo da mantenere movimento e creatività, qualità utili al fine di mantenere il gruppo attivo e produttivo.

Di seguito i ruoli che si ritiene siano fondamentali fin dagli arbori.

  • REFERENTE. La persona che riveste il ruolo di referente ha l’obiettivo primario di perseguire la mission del gruppo, favorendo il confronto e l’interscambio tra i suoi membri. Lo stesso dovrà svolgere anche alcune mansioni connesse alla segreteria, quali organizzare e mantenere gli incontri annuali e redigere i report degli stessi. In merito agli incontri, si consiglia di trovare un momento per vedersi di persona almeno una volta all’anno.
  • RESPONSABILE DELLA COMUNICAZIONE. Figura addetta alla comunicazione, alle relazioni e intra e inter gruppo che nello specifico ha il compito di gestire email del GIS; occuparsi della comunicazione social (ad esempio, arricchire la pagina facebook dedicata); aggiornarsi su eventuali articoli scientifici a tema, divulgarli all’interno del gruppo e successivamente condividerli con la comunità; raccogliere eventuale materiale utile da caricare sul sito di ACT Italia ed essere di ausilio per la stesura del calendario dedicato alle riunioni periodiche; tenere le fila degli iscritti al GIS (numero dei membri e puntualità nel pagamento/rinnovo della quota associativa). Il tutto mantenendo un raccordo collaborativo con il referente.
  • RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI. Si veda la sezione “Rappresentante degli studenti”.

Al di là delle specifiche figure e ruoli di cui sopra, è fondamentale la presenza e la partecipazione di tutti i membri alle attività del gruppo (si legga la sezione “Membro del gruppo”).

Rappresentante degli studenti.
Nel tempo si è riscontrata la preziosa risorsa offerta da studenti interessati ai GIS, i quali possono avere e dedicarsi a ruoli di supporto nella comunicazione (ad es. gestire la parte social) e agevolare la ricerca di articoli scientifici.

Membro del gruppo.
Ciascun membro iscritto all’Associazione presenta diritto e dovere nel mantenere un ruolo attivo e dedicato alla mission del gruppo, condividendo il materiale, avviando proposte e punti di vista coerenti e impegnati per la crescita e gli scopi del GIS.

Attività e impegni del gruppo.
Il GIS deve essere in grado, nel tempo, di mantenere gli impegni che permettano di rispettare i valori di trasparenza, condivisione e responsabilità.

In particolare, tra gli impegni amministrativi si ricordano:

  • REPORT ANNUALE DELL’ATTIVITÀ. Il report dovrà essere stilato dal referente. Al suo interno sarà necessario indicare gli obiettivi raggiunti. In caso di difficoltà nel raggiungimento di questi ultimi, è necessario esplicitare quali siano state le criticità e renderle oggetto di riflessione intragruppo. Nel report si rende necessario anche indicare data e luogo degli incontri e l’argomento di interesse, oggetto di condivisione e confronto.
  • CALENDARIO RIUNIONI PERIODICHE. Le riunioni possono essere temporalmente flessibili a seconda dei bisogni e desideri riscontati in itinere dal gruppo. Ciò nonostante si consiglia di fissare una riunione al mese così da garantire continuità, comunità ed evitare dispersioni.

Contatti GIS.
Per agevolare la comunicazione interna al gruppo ed esterna con la comunità, si ritiene utile sfruttare più canali. A seguire alcuni consigli utili.

  • COMUNICAZIONE INTERNA. Per agevolare i contatti tra i membri del gruppo si consiglia l’utilizzo di canali veloci (ad es. chat di gruppo whatsapp), in grado di agevolare le comunicazioni e renderle più immediate e flessibili. 
  • COMUNICAZIONE CON L’ESTERNO. Per agevolare i contatti formali dalla comunità al GIS, si ritiene utile la creazione di un’email del GIS (ad esempio, per fare richiesta e diventare membro o chiedere informazioni), mentre la pagina Facebook può essere un canale utile per agevolare in modo più immediato e flessibile informazioni e aggiornamenti coerenti alla mission del gruppo. 

Contaminazioni.
Nel tempo si è riscontata preziosa la possibilità di dedicare spazi di contatto, condivisione e integrazione fra i GIS presenti nel panorama nazionale, attraverso contatti periodici tra i referenti. Per mantenere contatti funzionali si consiglia ai referenti di incontrarsi 3/4 volte all’anno.